Via Roma 68| Silea TV | Mobile +39 351 913 9739

POSTURA E CELLULITE: PRENDERSI CURA DI SE’

Abbinare i trattamenti estetici a quelli posturali,
può essere un'idea vincente?

Le migliori formule vincenti sono, da sempre, la sommatoria di differenti attività che apportano contemporaneamente i loro benefici e modificano il nostro corpo rendendolo più bello e più in forma.
Se grazie ai trattamenti estetici ci prendiamo cura del nostro fisico agendo dall’esterno, con l’attività posturale miglioriamo il nostro benessere anche attraverso la consapevolezza e la qualità del movimento che eseguiamo. Vediamo insieme cosa si intende per postura al di là del sentito dire.
Innanzitutto, è importante sapere che la postura è il risultato di tutto ciò che è avvenuto nella nostra vita da quando siamo nate ad oggi; che il nostro corpo si è modificato nel tempo in base alle attività svolte e ai traumi subiti. Possiamo infatti facilmente immaginare che una gravidanza abbia influito sul nostro corpo così come lo ha forgiato lo sport che abbiamo praticato da bambine ma può anche averlo modificato una salute cagionevole o una vecchia caduta sull’osso sacro. Poi anche l’aspetto emotivo ha avuto grande impatto sia sulla nostra mente che sulla nostra postura.
L’atteggiamento posturale è quel “modo di porci” che ognuno di noi offre nell’incontrare il prossimo. È la nostra posizione più comoda nell’affrontare il mondo e tutte le attività che dobbiamo fare.
Se questi sopra citati sono i presupposti, la prima cosa da fare per te stessa è metterti davanti allo specchio e cominciare ad osservarti per renderti conto dei tuoi vizi posturali. Guardati attentamente e comincia a notare quei particolari che il corpo ti rivela: sono importanti. 

Davanti allo specchio unisci i piedi restando dritta ma rilassata.

1. Se sullo specchio ci fosse una linea verticale centrata col tuo corpo, ti dividerebbe perfettamente a metà passando al centro del viso, del collo e dello sterno? Toccherebbe il tuo ombelico cadendo proprio tra i tuoi piedi dividendoti perfettamente a metà o pendi più da una delle due parti?
2. Le spalle sono alzate o abbassate? L’altezza è uguale?
3. Le braccia cadono nello stesso modo?
4. Quello spazio vuoto tra il braccio e il corpo, si chiama “triangolo della taglia”. È uguale a destra e sinistra o hanno una forma differente?
5. Le tue ginocchia si toccano? Si toccano anche altri punti delle cosce, dei polpacci e delle caviglie?
Sai perché ci sono tante differenze tra la parte destra e la parte sinistra del corpo? Perché i movimenti che eseguiamo non sono gli stessi da entrambi i lati e nel tempo si creano degli squilibri muscolari che comportano tensioni e si sviluppano in dolori o fastidi che si manifestano nel tempo.
I trattamenti specifici liberano il corpo dalle tensioni ma è importante fare una buona attività posturale costante nel tempo perché mantenere un buon equilibrio muscolare è in assoluto la cosa più importante per il buon funzionamento del nostro corpo.

Accorgersi di sè.

Nel novembre del 2017 ho aperto lo studio ACCORGERSI® a Silea dove mi dedico al miglioramento della postura attraverso un mix di discipline consolidate ed innovative e svolgo un’attività mirata al benessere attraverso la consapevolezza come primo passo per il miglioramento.
ACCORGERSI® è un l’ambiente accogliente e l’interazione personale è il presupposto per ottenere i risultati. La qualità del movimento proposto è lo strumento che migliora gli schemi motori rendendo i nostri corsi efficaci. Il numero ridotto di partecipanti ci permette di mantenere l’alta qualità del lavoro svolto.
Vuoi sapere cosa cela la tua postura o  vuoi qualche consiglio specifico? Puoi contattarmi all’indirizzo mail hello@valiabenedetti.it e iscriverti al mio canale YouTube  https://www.youtube.com/channel/UCwwC1mlaZkUXNIKOyic-INg/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

GLUTEI E POSTURA: CHE RELAZIONE C’E’?

La nostra postura può influire sul tono muscolare del lato B? I glutei sono da sempre un argomento tanto amato da tutti e, per questo motivo, oggi parliamo delle tanto bramate “ciapet”.